M’illumino d’amore

Canon 40D   Sigma 150mm   2,5 sec.   f/5   iso 500   treppiede

E’ stata una vera impresa riprenderla!  Le condizioni erano estreme:  piccolissima,  in continuo movimento e al buio!!  In queste notti scintillano nella mia campagna, trasmormando le piante in veri e propri alberi di natale.

Ma voglio spendere qualche parola per i più curiosi: La lucciola è una specie molto nota, ma in pochi sanno che l’insetto è in realtà un coleottero, un animale notturno della famiglia dei Lampiridi. Le lucciole sono per la maggior parte alate: una caratteristica, questa, che le differenzia da altri insetti luminescenti della stessa famiglia. Si conoscono circa 2.000 specie di lucciola.

Questi insetti vivono in una serie di ambienti caldi, ma anche in regioni più temperate, e sono abitualmente avvistate nelle sere d’estate. Le lucciole amano l’umidità e popolano in gran numero le regioni umide dell’Asia e delle Americhe. Nelle zone più secche, vivono in prossimità di aree piovose o bagnate che trattengono umidità.

Tutti sanno qual è l’origine del nome delle lucciole, ma molti ignorano come facciano a produrre il loro caratteristico bagliore. Le lucciole sono dotate di appositi organi luminosi sotto l’addome. Gli insetti assimilano ossigeno e, all’interno di speciali cellule, lo uniscono con una sostanza chiamata luciferina per produrre luce quasi senza calore. La luce delle lucciole è solitamente intermittente, e lampeggia secondo modalità uniche per ciascuna specie. Ogni tipo di intermittenza corrisponde a un segnale ottico che aiuta le lucciole a individuare potenziali partner.

Gli scienziati non sanno con esattezza in che modo gli insetti riescano ad accendere e spegnere la propria luce. Quest’ultima funge probabilmente anche da meccanismo di difesa, lanciando un chiaro segnale che mette in guardia dallo sgradevole sapore dell’insetto. Il fatto che anche le larve siano luminescenti dà sostengo a questa teoria.

Le femmine depongono le uova a terra, dove le larve si sviluppano fino allo stato adulto. Le larve sotterranee si nutrono di vermi e lumache iniettando nelle vittime un fluido paralizzante. Gli adulti evitano questo tipo di preda e si nutrono generalmente di nettare o polline, anche se alcune lucciole non mangiano affatto.

5 pensieri riguardo “M’illumino d’amore

  1. Buongiorno Amico mio, avrai fatto le ore piccole a corteggiare
    con il tuo “occhio magico” ma soprattutto con il cuore, la piccola Luce.
    Magnifica immagine, e illuminante spiegazione.

    Un forte abbraccio
    Mistral

    Ps
    Grazie Tore.

  2. Che pazienza!!!!! ma il risultato è eccezionale, grazie per la ricerca scientifica, fa sempre piacere apprendere cose cui magari non si fa caso, ma che risultano molto interessanti. Un abbraccio, Maria

    1. Grazie Letizia!! Visto che volano sarebbe bello poterle riprenderle in matrix!! Un saluto cara amica…X!! 😉
      Grazie anche a te Maria. Mi fa piacere che oltrre ad essere passata hai approfondito la lettura. Un abbraccio forte!! A prestissimo.😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...